Comunicazione

Comunicazione

Il piano di comunicazione del progetto “Terra Mia” parte dalla creazione di una massiccia campagna social che miri a costruire un’attenta comunità virtuale che si stringa intorno alla causa comune. Le azioni di comunicazione e diffusione del progetto hanno l’obiettivo principale di promuovere conoscenza e sensibilità verso il tema della inclusione lavorativa di giovani ragazzi con disabilità, Inoltre, il progetto mira a diffondere tra i produttori agricoli campani l’uso di pratiche agricole (Buone Pratiche – BP) ad un minore impatto ambientale. Alla progettazione e realizzazione delle azioni di comunicazione e diffusione contribuiranno attivamente tutti i partner del progetto secondo le proprie specifiche competenze. La finalità del Piano di comunicazione e diffusione (PCD) è di predisporre un quadro generale di riferimento per la gestione e il coordinamento delle diverse forme di comunicazione realizzate durante lo svolgimento del progetto, con il contributo di diversi partner e tenendo conto anche dei target specifici che si intende raggiungere. E’ quindi uno strumento trasversale e a disposizione di tutti i partners. Nel PCD sono elencati e dettagliati tutti gli strumenti e le attività di comunicazione e diffusione che verranno attuate durante l’intera durata del progetto. Le attività di divulgazione e disseminazione saranno rivolte e adattate a differenti tipologie di target. Il progetto, infatti, intende dialogare e comunicare a differenti livelli e con differenti tipologie di destinatari (target di riferimento) definiti per ogni azione. I principali destinatari dal PCD sono:
1) Le scuole della Regione Campania;
2) L’industria agroalimentare;
3) Le imprese agricole regionali, gli agricoltori e i tecnici del settore;
4) La società civile: Le Università, il mondo della ricerca, le associazioni di categoria, ecc…

La prima attività del PCD attiene alla realizzazione del logo che ha lo scopo di richiamare visivamente il progetto e sarà progettato, nelle sue linee e colori, per richiamarne gli obiettivi stessi. Sarà una sintesi iconica dell’ambientale rurale e del lavoro dell’uomo e cercherà un compendio con l’indicazione della inclusione sociale: tratti stilizzati di diversi colori che richiamino diversi elementi come l’acqua, il suolo, il sole. Questi elementi insieme daranno una percezione visiva di una forma antropomorfa: la disabilità e l’ecosistema formano una cosa sola. All’avvio del progetto verrà realizzato un “kick off meeting” allo scopo di dare ufficialmente il via ai lavori e divulgare pubblicamente il progetto agli addetti del settore e alla stampa. Verrà data la massima divulgazione del kick off meeting attraverso i siti web dei partners. Si realizzeranno due presentazioni pubbliche, per esempio verso hotel, rivolte alla cittadinanza, per illustrare il progetto e sensibilizzare i cittadini al tema dell’impegno dell’inclusione lavorativa di giovani con disabilità. Una specifica attività è prevista per le scuole nella seconda metà del progetto: 3 corsi per studenti ed insegnanti da tenersi presso istituti scolastici superiori di istruzione agraria della regione e 2 incontri presso la facoltà di agraria. Questi incontri saranno sviluppati come attività seminariale e prevedranno il coinvolgimento anche dei docenti delle scuole interessate dall’attività.